Arte e Cultura per leggere e reinventare la realtà

I nostri progetti
Fondazione Cariplo, settore Arte e Cultura
Distretti Culturali

Ex Filanda: si parte!

La Fabbrica del Saper Fare ha aperto ufficialmente i battenti. Il restauro della Filanda, nato all'interno del Distretto Culturale evoluto Monza e Brianza, è stato finanziato da Fondazione Cariplo e dalla Regione Lombardia, con la collaborazione della Provincia di Monza e Brianza, del Comune di Sulbiate e della Camera di Commercio di Monza e Brianza, che ha fornito la dotazione tecnologica. Ecco i primi scatti dell'inaugurazione del 24 settembre.

  • 07 ottobre 2016

Sapete fare qualcosa? Avete un sogno o un’idea? Raccontatela!” La sfida è partita da una cartolina con tre “semplici” domande consegnata nelle caselle postali degli abitanti del sulbiatese e si traduce oggi nella (ri)nascita di una fucina di impresa e innovazione, un nuovo cuore che anima il Distretto Culturale di Monza e Brianza, e converte cultura e identità del territorio in una ricca e dinamica eredità.

Il 24 settembre è stata ufficialmente aperta al pubblico la Fabbrica del Saper Fare. Al taglio del nastro hanno partecipato le istituzioni del territorio e gli attori che avranno in gestione la Ex Filanda di Sulbiate: Make in progress, Delle Ali e il Consorzio Comunità Brianza.

In fase di restauro e recupero architettonico, il coordinamento delle attività è stato affidato al Dipartimento di Design del Politecnico di Milano e di POLI.design, che ha fornito il suo supporto scientifico e operativo, e avviato laboratori sperimentali di digital fabbrication e learning by doing, dando luogo a un processo virtuoso di coinvolgimento della cittadinanza, degli attori locali e dei talenti del territorio. L’edificio torna ora al servizio della comunità, rinascendo come luogo d’incontro di diverse esperienze, professionalità e conoscenze: making, arte, food, servizi per il lavoro.

Parole d’ordine?

Contaminazione: dei saperi, delle forme artistiche, delle competenze.

Cultura e impresa: la Fabbrica del Saper Fare nasce all’insegna dello scambio fra le risorse culturali e quelle imprenditoriali del territorio. Al cuore del progetto sta l’idea di creare nuovo lavoro partendo dalla gestione con un forte radicamento locale, facendo dell’Ex Filanda un attivatore e rigeneratore d’impresa, capace di favorire la nascita di iniziative territoriali centrate su soluzioni innovative di prodotti, di erogare servizi a supporto di imprese, di contribuire alla crescita di giovani e artigiani, di dare vita a nuovi modelli di collaborazione e trasferimento di competenze tra diverse professionalità.

Innovazione: l’area centrale dedicata al making mette a disposizione attrezzature digitali, stampanti 3d e frese per chi ha un’idea imprenditoriale e cerca nuove competenze per farla crescere. L’area attigua è invece dedicata alla sperimentazione artistica, con la nuova sede del Teatro Delle Ali. Al primo piano sono previste aree co-working, con la zona per mamme lavoratrici e bambini, e gli uffici di un’agenzia del lavoro. Ci sarà infine un punto di ristorazione con un concept bar, nato da “Sapori comuni”, il progetto che nasce per creare una collaborazione tra la cittadinanza, le aziende agricole e i produttori locali.

“Qui si sente il profumo del lavoro, di chi deve rincominciare a portare la tecnologia in una società che deve fare rete. Oggi si chiude la partita del restauro e della valorizzazione, ma inizia la sfida di rendere questo spazio un luogo attivo, dinamico, aperto all’impresa, alla società, alle scuole.” Le parole del vice presidente della Camera del Commercio esprimono molto bene l’attesa, la speranza, la sfida innovativa che la Fabbrica del Saper Fare sta portando nel territorio.