Arte e Cultura per leggere e reinventare la realtà

I nostri progetti
Fondazione Cariplo, settore Arte e Cultura
Laiv

Novara val bene… una spesa. Gli eventi di musica, arte e danza che hanno popolato il mercato rionale novarese, dal vivo racconto degli studenti del Liceo Casorati

Il LAIV project work narrato con gli occhi e la penna degli studenti che lo hanno progettato e realizzato

  • 03 maggio 2017

“Un mercato rionale è uno spazio commerciale, ma è anche un luogo di socialità, è lo specchio di una comunità, è il frutto delle abitudini e delle necessità di un quartiere… potremmo definirlo una pittoresca cartolina di presentazione di una parte della città.

Ma i mercati insegnano anche i colori, i profumi, i suoni… proprio su questi vogliamo soffermarci. I suoni creati dal vociare dei venditori, dai passi delle persone che si muovono, dalle vocine dei bambini, dai coltelli che tagliano, dalle affettatrici, dalle buste in plastica, dalle scatole che vengono aperte sui banchi… tanti suoni.

Perché non aggiungere ora il suono della musica?

In fondo molte città europee, e non solo, stanno animando i mercati, rendendoli luoghi di festa e divertimento, attraverso la musica, gli spettacoli teatrali, l’arte e la danza. Un mercato rionale può, infatti, essere anche un luogo di socialità e un luogo di incontro per i giovani.

Che ne direste allora se nei mercati rionali di Novara si esibissero i giovani studenti del Liceo Artistico, Musicale e Coreutico Felice Casorati? Nuovi suoni certo, inusuali forse, per un mercato… ma quanto divertimento! E allora “invadiamo” con la musica, l’arte e la danza i cortili del Mercato Coperto, lo spiazzo accanto del mercato di Corso Trieste, gli spazi limitrofi del mercato di Largo Leonardi e del mercato Vela e i corridoi tra i banchi del mercato di Piazza Pasteur. Facciamo festa insieme! E scegliamo per ogni mercato e per ogni quartiere che li ospita il “colore” giusto della musica. Non dimentichiamo che ogni mercato rionale novarese è una sorta di porta di ingresso a quartieri che sono ricchi di storia… non si sceglie a caso la musica ma si racconta attraverso i suoni le emozioni di queste grandi storie novaresi.”